MENU
Verona Volley

Due giganti per Verona: ecco Sapozhkov e Grozdanov

04/10/2022

Due giganti per Verona: ecco Sapozhkov e Grozdanov
La presentazione ufficiale di Maksim Sapozhkov e Aleks Grozdanov
 
MAKSIM SAPOZHKOV 

220 centimetri di altezza, 21 anni. I dati sulla carta d’identità di Maksim Sapozhkov sono impressionanti, e ora sono al servizio di coach Rado Stoytchev e del team gialloblù. L’opposto russo è pronto a ritagliarsi un ruolo da protagonista al suo primo anno in SuperLega, come dimostrato già nella gara d’esordio di Piacenza, dove ha messo a terra 25 punti. 

Scheda Tecnica
Nome: Maksim
Cognome: Sapozhkov
Data di nascita: 15 novembre 2000
Luogo di nascita: Voronezh (Russia)
Ruolo: Opposto
Altezza: 2,20 m
N° di scarpe: 51.5
 
Storia
Sapozhkov inizia la propria carriera tra le file Lokomotiv Novosibirsk, venendo nel 2018 aggregato alla prima squadra. Nella stagione successiva gioca nel team B del club, dove comincia a dimostrare il proprio valore. Questo gli permette di lasciare la Russia per intraprendere un’avventura nel campionato bulgaro con la maglia dello SKV Montana. Dopo appena un anno rientra in patria per accasarsi allo Yugra-Samotlor Nizhnevartovsk. Le buone prestazioni offerte attirano le attenzioni della dirigenza gialloblù, che imbastisce subito una trattativa per non farselo sfuggire. Con le selezioni giovanili russe ha conquistato un argento al Mondiale U19, un oro all’Europeo U20. È poi risultato essere il miglior opposto e il best scorer del Mondiale U20 giocato nel 2019.

Carriera
2018/2019 Lokomotiv Novosibirsk (RUS)
2019/2020 Lokomotiv Novosibirsk II (RUS)
2020/2021 SKV Montana (BUL)
2021/2022 Yugra-Samotlor Nizhnevartovsk (RUS)
2022- WithU Verona (A1)

Palmares
2017 Mondiale U19 (argento)
2018 Europeo U20 (oro)
2019 Miglior opposto e best scorer Mondiale U21

Dichiarazione
“Quando ho ricevuto l’offerta di WithU Verona non ho esitato un attimo ad accettare. Per me questa rappresenta un’occasione unica per il mio percorso di maturazione sportiva e sono sicuro che sotto la guida di coach Stoytchev posso migliorare molto. La SuperLega è il campionato più competitivo al mondo e la sola idea di affrontare i campioni che ci giocano per me è un grandissimo onore. Credo che la nostra squadra abbia un grande potenziale. Siamo tanti ragazzi giovani e desiderosi di imparare dagli insegnamenti dei più esperti. Possiamo creare qualcosa di importante”.

ALEK GROZDANOV
 
Un tassello importante per il pacchetto dei centrali. Aleks Grozdanov porta a Verona un’ottima conoscenza del massimo campionato italiano, giocato con le maglie di Ravenna prima e Monza poi. Inoltre, al termine della passata stagione, con la formazione brianzola il classe 1998 ha sollevato la CEV Cup, la seconda competizione europea per importanza. È già entrato nei meccanismi di coach Stoytchev, che gli ha dato fiducia fin da subito.  

Scheda Tecnica
Nome: Aleks
Cognome: Grozdanov
Data di nascita: 28 marzo 1998
Luogo di nascita: Sofia (Bulgaria)
Ruolo: Centrale
Altezza: 2,05 m
N° di scarpe: 49
 
Storia
Dopo aver mosso i primi passi in patria con i colori della Dobrudja 07, Grozdanov coglie l’opportunità di approdare in Italia nel 2017, acquistato dalla Calzedonia Verona, allora allenata da coach Grbic. Un anno dopo passa alla squadra belga del Greenyard Maaseik, con cui si ritaglia uno spazio importante. Nel 2019 torna in Italia per vestire la casacca della Consar Ravenna, militante in SuperLega. Nella scorsa stagione, invece, si è tolto una grande soddisfazione, conquistando da titolare la CEV Cup con la maglia di Monza. Ora è pronto a difendere i colori giallo e blu di WithU Verona.

Carriera
2016/2017 Dobrudja 07 (BUL)
2017/2018 Calzedonia Verona
2018/2019 Greenyard Maaseik (BEL)
2019/2020 Consar Ravenna
2021/2022 Vero Volley Monza
2022- WithU Verona

Palmares
2022 CEV Cup

Dichiarazione
“Dalla mia prima avventura a Verona ho fatto un percorso di crescita importante, maturando esperienze in SuperLega, ma anche fuori dai confini italiani. Sono davvero contento di essere tornato in questa città, che cinque anni fa mi aveva dato tanto anche dal punto di vista umano, visto che si trattava della mia prima esperienza in Italia. Con Stoytchev non posso che trovarmi bene. Oltre che essere connazionali, parliamo anche lo stesso linguaggio sportivo. Insieme a lui, a tutto lo staff e alla squadra possiamo toglierci grandi soddisfazioni, come dimostrato già nella prima giornata di campionato a Piacenza”.